Forex: il funzionamento in Italia e le transazioni

      Commenti disabilitati su Forex: il funzionamento in Italia e le transazioni

Il mercato del forex non è poi così lontano da noi visto che è stato inventato nel 1971, dotato non solo di una grande liquidità ma nel quale gli scambi giornalieri arrivano a svariati milioni, ed il dollaro di solito è anche la moneta maggiormente scambiata.

In pochi sanno però che i guadagni che si riescono ad ottenere grazie al trading sono soggetti come tutti gli altri a delle tasse in Italia, questo però solo nel caso in cui la valuta che è stata acquistata viene conservata per un periodo superiore ai 7 giorni, che è il periodo minimo richiesto dalla legge per far scattare la tassazione.

Da qui, è facile capire che praticamente le valute del forex trading non sono praticamente tassate; i forex trader più esperti cercano di guadagnare di più con i picchi chiudendo poi in pochissimo tempo la loro situazione.

Le transazioni che avvengono nel forex trading vengono chiamate forward, e non stanno ad indicare un passaggio fisico dei soldi da una mano all’altra ma piuttosto un passaggio di soldi che avverrà in una data futura stabilita.

Il compratore ed il venditore in questo caso fanno un accordo che effettueranno lo scambio in una determinata data futura a prescindere dai tassi di cambio di mercato.

Le transazioni futures invece sono quelle caratterizzate da dei parametri standard: un contratto di questo tipo di solito ha una durata di circa 3 mesi e comprendono anche l’ammontare degli interessi. Ci sono poi le transazioni swap che permettono a due soggetti di scambiarsi valute più volte e sottoscrivono anche un accordo per fare l’operazione inversa in una determinata data.

Gli swap nello specifico non sono dei veri e propri contratti e per questo non vengono scambiati nel mercato.

Infine, per quanto riguarda le transazioni ci sono anche le spot, che hanno però rispetto a tutte le altre una scadenza di due giorni a differenza invece dei futures che hanno una scadenza di tre mesi; è ovvio che prima di iniziare a fare trading è necessario informarsi e magari fare pratica sul funzionamento di questo mercato che all’apparenza può anche sembrare molto complicato.